Ischia mia

Fra tante belli cose c’ha criato

‘o Padreterno ‘ncopp’ a chesta terra,

na cosa ha fatto che nce s’è spassato:

immiez’ a nu golfo nu pezzullo ‘e terra.

E ‘ncoppa a chesta terra profumata,

c’addora ‘e pace e regna na quieta,

chest’isola da tutte decantata,

te ce ha piazzato pure na pineta.

Ischia, paraviso ‘e giuventù ,

Ischia, chistu mare è sempre blu!

Chistu cielo ch’è n’incanto,

chistu golfo ch’è nu vanto

chesto ‘o tiene sulo tu!

Sti bellizze songhe ‘o vero!

Chesto ‘o dice ‘o forestiero,

ca scurdà nun te pò cchiù .

‘A primma vota ca nce sò venuto

‘ncopp’ a stu scoglio d’oro illuminato,

senza parola sò rimasto, e muto

pe chesta spiaggia me sò ‘ncammenato…

Vedenno cu ‘o due pezzi sti ffigliole,

‘a verità ?, so asciuto d’ ‘o sentiero:

i’ ch’ero già mbriaco ‘e mare, ‘e sole,

overo, sì, aggiù fatto nu pensiero…

Antonio de Curtis (Totò)

Ischia è la più grande delle isole del Golfo di Napoli. Occupa, storicamente, una posizione strategica nel cuore del Tirreno e del Mediterraneo. L’estensione dell’isola è di 46,33 kmq e la pone all’ottavo posto tra le piccole isole italiane.

La varietà dei climi e dei microclimi, fa di Ischia un vero e proprio piccolo continente caratterizzata da un territorio molto vario: boschi estesi, pinete, colline e montagne tra le quali svetta il monte Epomeo (788 metri sul livello del mare) che nasconde misteriosi fenomeni secondari di vulcanesimo e una straordinaria ricchezza di acque minerali e termali.

Secondo una leggenda, sono stati i marinai d’Oriente che solcavano queste acque, ad attribuirle il nome di “Ischia”, che significa “a sinistra” perchè in questa posizione la incontravano avvicinandosi al porto partenopeo.

Ischia è famosa per i suoi centri termali, tanto da essere soprannominata “l’isola dell’eterna giovinezza”. Già i Romani, infatti, conoscevano le doti dell’acqua curativa di Cava scura e non disdegnavano corroboranti “bagni di sudore” sull’isola.

Nel tempo, nonostante diverse siano state le civiltà che l’hanno occupata, solo con, Alfonso V d’Aragona, Ischia venne proclamata “Colonia del Regno di Castiglia”. Alfonso d’Aragona ordinò di costruire un ponte per collegare il castello “Aragonese” al resto dell’isola, tutte opere i cui resti sono ancora visibili.

In epoca Rinascimentale, si ritiene che l’isola fu abitata anche da Michelangelo Buonarroti, del quale si racconta che fosse pervaso d’amore per la candida e sognante poetessa Vittoria Colonna che abitava il castello Aragonese.

Michelangelo, si narra, vivesse nella “Torre Guevara”, da dove poteva ammirare la sua amata poetessa. Egli attendeva la notte per raggiungerla in segreto, tramite il tunnel che collega la torre al Castello Aragonese.

Rinomata sull’isola è anche la festa di Sant’Anna, protettrice delle partorienti. La festa della Santa è un appuntamento unico che anima le sere di fine luglio del luogo.

Ogni anno, infatti, il 26 luglio, da tradizione si svolge la grande “processione delle barche a mare”  con l’incendio, simulato, del Castello Aragonese. Una festa “antica” che segue una tradizione che risale agli anni Trenta, quando i pescatori dell’isola napoletana addobbavano le loro barche per dirigersi poi alla chiesetta di Sant’Anna e onorare la Santa.